Review: Shampoo Ekos Personal Care

Oggi voglio parlarvi di uno shampoo che ho acquistato qualche settimana fa. Di solito utilizzo gli shampoo di Yves Rocher con cui mi trovo bene. Mi è capitato però di aver finito tutte le scorte e quindi sono andata d’urgenza a Tigotà per cercare uno shampoo. E’ veramente difficile trovare uno shampoo tra gli scaffali pieni, quando non si ha la minima idea di cosa comprare! Ci sono però tre elementi da cui mi lascio influenzare negli acquisti e che mi hanno convinta a comprare lo shampoo Ekos Personal Care:

  1. Il prezzo conveniente (500ml di shampoo a € 2,99)
  2. L’etichetta ed il font utilizzato (non so perché, mi dà molto di natura, hippie, semplicità…)
  3. la presenza delle scritte “eco” e “bio” sulla confezione

Dal punto di vista visivo e psicologico il prodotto attira molto.

20150902_100329

Inoltre, guardando alla composizione (c.d. INCI) noto con piacere che tutti gli ingredienti sono “eco”:

Aqua (solvente)
Caprylyl/Capryl Glucoside ( tensioattivo)
Ammonium Lauryl Sulfate ( tensioattivo)
Sodium Lauroyl Sarcosinate (antistatico/ tensioattivo / viscosizzante)
Olivamidopropyl Betaine*(tensioattivo anfotero dolce)
Cocamidopropyl Betaine ( tensioattivo)
Avena sativa Kernel Extract** ( vegetale)
Sodium Chloride ( viscosizzante)
Sodium Cocoyl Hydrolyzed Wheat Protein ( tensioattivo)
Glycerin ( denaturante / solvente)
Coco-Glucoside ( tensioattivo)
Glyceryl Oleate ( emolliente / emulsionante)
Dicaprylyl Ether ( additivo)
Lauryl Alcohol ( emolliente/stabilizzante)
Panthenol ( antistatico )
Parfum (Fragrance)
Lactic Acid (agente tampone / umettante)
Sodium Benzoate ( preservante)
Potassium Sorbate ( conservante)
Linalool ( allergene del profumo)

*Tensioattivo da Olio di Oliva Biologico
**Da Agricoltura Biologica

Per aggiungere un ulteriore elemento al carattere sostenibile dello shampoo, ecco che sul sito di Pierpaoli, l’azienda che produce questa marca, è presente la descrizione del prodotto:

“Ekos personal care è  una linea certificata Eco Bio Cosmesi certificato da ICEA (Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale) e, in accordo con lo standard di certificazione,  non contiene ingredienti ritenuti potenzialmente pericolosi per la persona e per l’ambiente.

I prodotti sono  testati dermatologicamente  su pelli sensibili, controllati per il contenuto di metalli pesanti quali Cromo, Nichel e Cobalto (con valori inferiori a 0,4 ppm) e non contengono Alcool, Saponi alcalini, Coloranti, Parabeni, Fenossietanolo, Sles e Peg.

Tutti i prodotti della linea Ekos Personal Care, infine, sono conformi allo Standard Internazionale “Stop ai Test su Animali” – promosso  in Italia dalla LAV (Lega Anti Vivisezione)”.

Ho scelto la tipologia per capelli grassi essendo i miei capelli, appunto, grassi…

Purtroppo, nonostante le buone intenzioni, il prodotto non si è rivelato all’altezza delle mie aspettative: l’odore è gradevole ma lo shampoo non risulta facile da distribuire sul cuoio capelluto e, non facendo molta schiuma, serve molto prodotto per ogni passata. Detto questo, sono stata costretta a lavare i capelli ogni 2 giorni laddove di solito aspettavo 3 o 4 giorni. I capelli dopo solo 1 giorno erano sporchi e grassi. In un primo momento non ci ho fatto caso ed ho attribuito la colpa al caldo di questi giorni. Il prodotto è stato però usato anche dal mio compagno, ed è stato proprio lui a chiedermi di cambiare shampoo perché anche i suoi capelli erano più grassi del solito e con un po’ di forfora. In conclusione, sconsiglio il prodotto a chi come me tende ad avere i capelli grassi. Per chi invece ha i capelli secchi o normali, è probabile che il prodotto vada bene. Quindi promosso per il prezzo e l’eco-sostenibilità, ma bocciato per l’efficacia.

Spero di esservi stata utile con questa recensione. A presto!

Advertisements

Acquistare pannolini Pampers online e risparmiare la metà!

Oggi vi voglio parlare dell’acquisto di pannolini e in particolar modo di un sito internet su cui acquistare Pampers con un risparmio del 50%. Alla nascita di mia figlia avevo ricevuto un sacco di pannolini Huggies in omaggio (di quelli confezionati singolarmente) taglia 2 da 3-6 kg. Li ho usati i primi giorni ma non mi sono trovata molto bene, forse anche suggestionata dalla mia compagna di stanza che mi ripeteva quanto fosse arrossato il culetto di mia figlia a causa dei pannolini…fatto sta che tutti mi consigliavano i Pampers progressi, ed allora ho mandato il mio compagno di corsa ad acquistarne un pacco taglia 1 da 2-5 kg. Costo di una confezione da 20 pannolini: circa 10 euro! Ora, per capire quanto il prezzo dei pannolini sia conveniente, bisogna calcolare il costo di un singolo pannolino: se costa sui 0,20 cent allora possiamo dire che è conveniente. Immaginate quindi quanto siano costosi i Progressi della Pampers…

Grazie ad un gruppo Facebook a cui sono iscritta, sono venuta a conoscenza di un sito tedesco in cui poter acquistare tanti prodotti per bambini tra cui pannolini. Il sito in questione è http://www.windeln.de/ in tedesco ma con possibilità di traduzione in altre lingue cliccando sul pulsante in alto a destra accanto alla barra internet.

I Pampers si chiamano “New Baby” invece di “Progressi” ma in pratica sono gli stessi…il costo di un singolo pannolino è 0,16 o 0,18! In pratica la metà di un Pampers acquistato in Italia… Finora ho fatto tre ordini:

  1. pampers taglia 1 con 6 pacchi da 23 pannolini
  2. pampers taglia 1 con 6 pacchi da 23 pannolini + 2 pacchi taglia 2 con 40 pannolini per pacco. In regalo mi hanno inviato dei materassini della pampers (Change mats) usa e getta per il cambio quando si è fuori casa, e un integratore per donne che allattano (con scadenza entro 2 mesi…personalmente pensavo fosse latte artificiale e quindi non ne ho fatto uso dato che allatto esclusivamente al seno!)
  3. pampers taglia 2 con 6 pacchi da 40 pannolini per un totale di 240 pannolini. Anche questa volta ho ricevuto l’integratore per l’allattamento.

Ecco il link diretto ai pannolini da me acquistati http://www.windeln.de/pampers-new-baby.html

Le spese di spedizione sono gratuite per acquisti superiori a € 20, quindi il mio consiglio è di acquistare più pacchi. L’unico inconveniente l’ho avuto con il secondo ordine poiché non ero in casa al momento dell’arrivo del corriere e non ho ricevuto l’avviso di avvenuta consegna con l’ufficio postale in cui il pacco era in giacenza e tracciare il pacco è stata un’impresa! Per il secondo ordine ho allora inserito un altro indirizzo dove il corriere avrebbe trovato qualcuno. E’ quindi consigliabile essere presenti al momento della ricezione del pacco.

Fatemi sapere le vostri opinioni ed esperienze con questo sito o consigli su altri siti su cui acquistare risparmiando!

“Come si chiama tua figlia?” La scelta di un nome straniero e i commenti non richiesti

Quando ad un nome semplice come Francesco, Valeria o Nicola si preferisce un nome straniero, ecco che la folla si scatena in commenti e previsioni sul futuro atroce che tuo figlio avrà a causa del difficilissimo nome che hai scelto.

Un tempo erano Deborah e tutti i nomi con acca sparse qua e là. Qualche anno fa c’è stata la moda di Chanel, Jennifer e Kevin. Il problema è che chi decideva di dare questi nomi ai propri figli, spesso non capisce nulla di culture straniere ma “fa figo” e quindi…

Personalmente volevo omaggiare la mia passione per le lingue straniere dando a mia figlia un nome che fosse internazionale e così ho optato per Sofia, uno dei pochi nomi insieme ad Andrea che si pronuncia nella stessa maniera in -quasi- tutto il mondo. Poi ho scoperto che Sofia è diventato un nome abbastanza inflazionato di recente e così ho aggiunto una piccola modifica al nome: Sophia con ph. La pronuncia è la stessa, cambia solo lo spelling. Ovviamente non sono mancate le critiche:

  1. degli anziani che non reputano il nome abbastanza comune e allora devi rispondere “si chiama sofia come Sofia Loren” e loro finalmente capiscono ed accettano la bambina come parte della società.
  2. I dipendenti di qualsivoglia ufficio a cui è necessario comunicare i dati della bambina e che ti rispondono “eh ma questo nome scritto così vi creerà non pochi problemi” per poi sbagliare a trascrivere il cognome (come spesso accade).

Posso capire i commenti e consigli non richiesti a cui noi mamme siamo costrette ad abituarci non appena il pancione diventa visibile al resto del mondo, ma nell’era della globalizzazione in cui parlare inglese e comunicare in differenti lingue è diventato all’ordine del giorno, ancora ci meravigliamo di un nome straniero?

Due anni fa…

L’ultimo post di questo blog risale a ben due anni fa. È assurdo quante cose possano cambiare in così poco tempo. Dite che 2 anni non sono pochi? Beh forse avete ragione, ma comunque non sono troppi per tutti i cambiamenti che abbiamo avuto. Laurea, lavoro, gravidanza, e una nuova coinquilina nel mondo… Ebbene sì, Hobo è diventata mamma e non vede l’ora di condividere le sue esperienze con voi! Stay tuned e buona estate 2015!

If you can’t buy it, make it!

Motto del mese: “se non puoi comprarlo, fallo!” Cercavo un bikini jamaicano ma ciò che vedevo in giro proprio non mi convinceva… Ed allora ho preso cotone ed uncinetto e l’ho creato io! Semplice e veloce 😉

Tutorial qui

1010906_538273619585840_1653806994_n

 

Motto of the month:  “if u can’t buy it, make it!” I was looking for a Jamaican Bikini but I wasn’t convinced of what I found around… So I picked up cotton yarn and crochet hook and I made it! Quick & Easy 😉

Video Pattern here

Lettura in saldo a soli 99 cent!

Per gli amanti, anzi divoratori di libri ecco finalmente una buona notizia. Arrivano anche in Italia i libri cheap! La casa editrice Newton Compton ha infatti pensato bene di pubblicare le migliori opere letterarie internazionali alla modica cifra di 99 centesimi.

 

Image

 

Cito alcuni titoli (cioè quelli che ho comprato personalmente):

Il grande Gatsby – Scott Fitzgerald

Sherlock Holmes – Conan Doyle

Il profeta – Khalil Gibran

Lady Susan- Jane Austen

Il ballo – Irène Némirovsky

E al dipendente della Feltrinelli che, vedendomi con tutti questi libri in mano, si è permesso di dirmi che i libri non dovrebbero costare così poco, rispondo che la cultura è come l’aria o l’acqua: è vitale e per questo dovrebbe essere gratuita!